italian english

Normativa e giurisprudenza

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS), che in Italia colpisce oltre 2 milioni di persone solo nelle forme medio-gravi, causa colpi di sonno e numerosi incidenti stradali. Per questo Il Ministero dei Trasporti ha recepito una direttiva europea, inserendo nel Decreto Legge 22 dicembre 2015 il divieto di guida per chi soffre di apnee notturne non curate e le indicazioni operative alle strutture che dovranno rilasciare o rinnovare la patente.


colpo di sonno

Dopo l'introduzione del divieto di guida per chi soffre di apnee gravi, inserito a inizio gennaio nel Codice della Strada (nella parte relativa alle malattie invalidanti), da febbraio arriva un ulteriore stop per il rinnovo o il rilascio della patente a chi è affetto da Sindrome di apnee ostruttive nel sonno (OSAS). A stabilirlo è una direttiva europea recepita attraverso il Decreto Legge del Ministero dei Trasporti denominato "Recepimento della direttiva della Commissione 2014/85/UE recante modifica della direttiva 2006/126/CE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la patente di guida" del 22 dicembre 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 9 del 13 gennaio 2016

D'ora in poi "la patente di guida non potrà essere rilasciata né rinnovata a candidati o conducenti affetti da disturbi del sonno causati da apnee ostruttive notturne che determinano una grave e incoercibile sonnolenza diurna, con accentuata riduzione delle capacità dell'attenzione non adeguatamente controllate con le cure prescritte". In altre parole, chi soffre di OSAS (e non provvede a curarsi) rischia il colpo di sonno alla guida e non può più prendere o vedersi rinnovata la patente.

Come funziona
Chi ha una diagnosi di OSAS deve riferirlo nella "nuova" dichiarazione anamnestica, il documento che serve a determinare tutte le condizioni di potenziale rischio, resa al medico monocratico al momento della richiesta di rilascio o rinnovo della patente. Nel caso in cui il medico rilevi l'assenza di sonnolenza diurna o una sua lieve presenza certificherà l'idoneità alla guida. Un particolare approfondimento, invece, dovrà essere condotto sulle persone che dichiarano di essere affette da OSAS o che, a giudizio del medico, potrebbero essere portatrici di OSAS in ragione delle loro caratteristiche fisiche (ad esempio soggetti obesi, soggetti che presentano una micrognatia e/o retrognatia o un collo grosso) o con un dato anamnestico positivo per malattie associate all'OSAS (ipertensione arteriosa, aritmie, diabete mellito tipo 2, cardiopatia ischemica, eventi ischemici cerebrali, broncopneumopatie).

In caso di significativa sonnolenza diurna o di fondati sospetti di una condizione di sonnolenza diurna per OSAS, la valutazione sull'idoneità alla guida spetterà alla Commissione Medica Locale (CML) la quale, per stabilire la riduzione del livello di vigilanza, sottoporrà il candidato dapprima a un test dei tempi di reazione della durata di 10 minuti, in cui dovrà rispondere premendo un pulsante a una sequenza rapida di stimoli luminosi. Il test sarà eventualmente associato a uno specifico questionario sulla sonnolenza, il questionario di Epworth.

Al termine di tutti gli approfondimenti, l'autorizzazione alla guida potrà essere rilasciata anche alle persone affette da OSAS, sia moderata sia grave, a condizione che dimostrino "un adeguato controllo della sintomatologia presentata con relativo miglioramento della sonnolenza diurna, se confermato da parere specialistico di strutture pubbliche". In questo caso, la validità della patente rilasciata o rinnovata, eventualmente anche con prescrizioni da parte della CML, non potrà superare i tre anni per i "normali" conducenti (quelli in possesso di patenti di categoria AM, A, A1, A2, B1, B, e BE) e un anno per i conducenti professionali (quelli titolari di patente di categoria C, CE, C1, C1E, D, DE, D1 e D1E nonché titolari di certificato di abilitazione professionale di tipo KA e KB). La stessa Commissione potrà, al contrario, inibire la guida ai soggetti affetti da OSAS media o grave che non si sottopongono con continuità a terapie adeguate, utili a controllare la malattia e a migliorare la sonnolenza diurna.

Cos'è l'OSAS
E' una vera e propria malattia che provoca interruzioni involontarie del respiro, della durata di almeno 10 secondi e frequenza di almeno 10 volte ogni ora, mentre si dorme. Sono i muscoli che tengono aperte le vie aeree superiori a perdere sostanzialmente di tono, provocando l'apnea. A sua volta questa causa l'abbassamento della saturazione dell'ossigeno nel sangue, che alla lunga porta a una serie di disturbi quali arteriosclerosi, ipertensione e deficit cognitivi e, quel che interessa maggiormente la guida, sonnolenza diurna.

I dati
Secondo i più recenti dati, il problema delle apnee notturne colpisce oltre 2 milioni di persone solo nelle forme medio-gravi, e riguarda il 50% degli uomini e il 23% delle donne. Il legame della sindrome con gli incidenti stradali è stato studiato dal neurologo Sergio Garbarino: ogni anno, in Italia, le apnee notturne causano più di 17.300 incidenti stradali, per un totale di oltre 250 morti e 12.200 feriti. Al problema sociale si aggiungono anche i costi sanitari, che in Italia ammonterebbero a circa 1 miliardo e mezzo di euro.

Approvato in Commissione Industria al Senato un emendamento al DDL Concorrenza che prevede di mantenere sia la macroclasse che la sottoclasse in caso di cambio di compagnia assicurativa. Il decreto rafforza anche la stretta contro i falsi testimoni negli incidenti stradali.

RC auto 

Grandi novità in materia Rc auto per tutti coloro che desiderano sottoscrivere un nuovo prodotto con una compagnia assicurativa diversa dalla propria. Fino ad oggi, chi cambiava veniva retrocesso di una classe di merito per mancata "fedeltà". Un'azione che, in soldoni, si traduceva spesso nell'innalzamento dell'importo del premio annuale da versare nelle casse delle compagnie.

Da febbraio, invece, chi deciderà di cambiare la propria polizza, non rischierà più di essere retrocesso e di pagare un premio più alto in quanto nuovo cliente. E' stato, infatti, approvato in Commissione Industria al Senato un nuovo emendamento al DDL Concorrenza che così riporta: "Le imprese assicurative dovranno garantire, nell'ambito della classe di merito, le condizioni di premio assegnate agli assicurati aventi identiche caratteristiche di rischio del soggetto che stipula il nuovo contratto". In poche parole, la classe di merito rimane la stessa anche se il proprietario dell'auto cambia polizza.

Ma c'è di più. Lo stesso emendamento vieta alle compagnie di "...differenziare la progressione e l'attribuzione delle classi di merito interne in funzione della durata del rapporto contrattuale tra l'assicurato e la medesima impresa, ovvero in base a parametri che ostacolino la mobilità tra diverse compagnie assicurative". Si tratta, dunque, di una novità importante a favore del consumatore che renderà più dinamico e flessibile l'intero mondo assicurativo, incoraggiando la trasferibilità degli utenti tra le varie compagnie assicurative e l'aumento della naturale concorrenza, al fine di garantire soluzioni più vantaggiose e personalizzate contro il "caro assicurazioni".

Inoltre, l'emendamento rafforza anche il meccanismo antitruffa legato all'identificazione di falsi testimoni negli incidenti stradali per ovviare all'annosa problematica delle false dichiarazioni. D'ora in poi, nelle controversie civili promosse per l'accertamento della responsabilità e per la quantificazione dei danni, chi testimonierà dovrà tenere il conto dei processi a cui partecipa: se in 5 anni, infatti, sarà chiamato a testimoniare in più di tre cause per sinistri stradali, il giudice trasmetterà un'informativa alla Procura della Repubblica in relazione alla ricorrenza del suo nominativo, in modo tale da poter identificare con maggiore rapidità e certezza chi, attraverso false testimonianze, cerca di lucrare inscenando dei sinistri. La norma va a sostituire la precedente previsione secondo la quale l'informativa del giudice partiva quando i testimoni erano "già chiamati in più di tre cause concernenti la responsabilità civile da circolazione stradale". Una modifica che va a favore anche delle imprese assicuratrici le quali, a causa delle numerosissime truffe, sono spesso costrette ad aumentare il costo medio dei premi delle Rc auto, soprattutto nel Sud Italia.

Ulteriore emendamento è, infine, la scadenza dei contratti di assicurazione accessori a quello Rc auto (che tutelano ad esempio contro il furto e l'incendio) ogni fine anno, senza il tacito rinnovo e senza che l'assicurato ne debba fare richiesta.

Il Parlamento europeo ha deciso di non porre il veto all'aggiornamento dei limiti delle emissioni per i veicoli, ma il M5S punta a una class action.

smog

Non ha ottenuto la maggioranza assoluta la risoluzione della commissione ambiente che raccomandava al Parlamento europeo di porre il veto al progetto di atto delegato della Commissione europea che istituisce la procedura per i test sulle emissioni degli autoveicoli in condizioni reali di guida (RDE).

Dopo lo scandalo VW, la Commissione ambiente, infatti, aveva proposto al CTVM, il comitato tecnico dei veicoli a motore composto dagli esperti rappresentanti dei governi insieme alla Commissione europea, di rivedere le procedure di omologazione con l'introduzione di dispositivi portatili che potessero rilevare su strada le reali emissioni delle vetture.

Il Comitato tecnico il 28 ottobre scorso aveva preso la decisione di innalzare notevolmente i limiti riguardanti gli ossidi d’azoto (NOx) emessi dai motori diesel.

I requisiti proposti saranno introdotti in due fasi:
- nella prima fase, i produttori delle autovetture dovranno ridurre il divario a un "fattore di conformità" di massimo 2,1 (110%) per i nuovi modelli entro settembre 2017 (e per i nuovi veicoli entro settembre 2019), e
- nella seconda fase, il divario dovrebbe essere ridotto fino a un fattore di 1,5 (50%), considerando i margini di errore tecnici, entro gennaio 2020 per tutti i nuovi modelli (ed entro gennaio 2021 per tutte le nuove macchine).

Un fattore di conformità per il numero di particelle (PN) deve ancora essere definito, così come la data dell'entrata in vigore della norma del 2007 di 80 mg/km.

La proposta di risoluzione della Commissione ambiente che avrebbe dovuto annullare tale decisione è stata respinta dal con 323 voti contrari, 317 in favore e 61 astensioni.

La decisione di aumentare temporaneamente i limiti delle emissioni è stata giustificata dalla necessità di considerare i dubbi tecnici relativi all'uso dei nuovi dispositivi portatili di misurazione delle emissioni, così come i limiti tecnici per il miglioramento nel breve termine della performance, in condizioni reali di guida, del rilevamento delle emissioni per le autovetture a diesel attualmente prodotte.

"Una trattativa intensa ha avuto luogo con i governi e la Commissione europea, dopo che la commissione ambiente ha sostenuto l'obiezione, alla quale poi la Commissione europea ha effettivamente dato seguito - ha dichiarato il Presidente della commissione ambiente Giovanni La Via - Ora abbiamo impegni chiari presi dalla Commissione europea: una clausola di revisione, con un calendario preciso, al fine di abbattere i valori massimi di emissione ai livelli che sono stati concordati dai co-legislatori e, nel lungo termine, una proposta di riforma del regime di omologazione UE per le auto, così come richiesto dal Parlamento".

Il deputato La Via inizialmente era favorevole all'annullamento della decisione del CTVM, ma poi ha seguito il voto del suo partito, il NuovoCentroDestra, nelle fila del Partito Popolare Europeo (PPE).

A favore del veto sono stati invece Verdi, Socialisti e democratici, Sinistra unitaria europea, la maggioranza dei Liberali e infine il Movimento 5 stelle che si sta già muovendo per presentare una denuncia al Mediatore europeo.

“La Commissione europea ha cambiato le regole della legislazione del 2007 già approvata e l'ha fatto con un atto tecnico del Comitato sui veicoli a motore - ha denunciato la portavoce grillina Eleonora Evi - Insomma più che difendere il loro ruolo di co-legislatori i parlamentari europei e la Commissione hanno deciso di difendere le lobby dell'industria e i governi”.

Tuttavia, il parere del Mediatore non è vincolante, ma solo simbolico, e gli eurodeputati del M5S puntano alla Corte di Giustizia, valutando la possibilità di fare una sorta di class action “con altri partiti politici come i Verdi e tutti i cittadini che vogliono essere parte in causa”.

Vedremo cosa ci riserverà le prossime "puntate europee", ma una cosa è certa: la decisione di Strasburgo rappresenta una pagina davvero nera per la politica europea che ha dimostrato apertamente di assecondare le lobby automobilistiche, vecchie e inquinanti, invece di favorire quelle imprese, che attraverso investimenti, ricerca e innovazione, stanno già realizzando le auto del futuro.


Non sarà più reato guidare una moto, un'auto o una macchina agricola senza avere la patente: è entrata in vigore la nuova normativa approvata dal Cdm il 15 gennaio scorso che attua la depenalizzazione del reato previsto dal Codice della Strada. Chi sarà fermato senza avere la patente incorrerà in un illecito amministrativo, punito con una sanzione da 5.000 a 30.000 euro e con il fermo amministrativo del veicolo per tre mesi.

Polizia controllo patente

D'ora in poi guidare senza patente non sarà più reato. E' entrata in vigore a febbraio, infatti, la nuova normativa approvata dal Cdm il 15 gennaio scorso che attua una "vecchia" legge delega (la n. 64/2014 accolta dal Parlamento ad aprile 2015) e che prevede la depenalizzazione del reato incluso nel Codice della Strada. Pertanto, d'ora in poi, chi sarà fermato per la prima volta alla guida di una moto, un'auto o una macchina agricola senza avere la patente, perché non l'ha mai conseguita o perché gli è stata revocata con un provvedimento definitivo, incorrerà non più in un reato ma in un illecito amministrativo, punito con una sanzione da 5.000 a 30.000 euro e con la confisca del veicolo per tre mesi

Leggi tutto...

Dal 26 gennaio è più facile trasformare un autoveicolo tradizionale in uno elettrico con benefici per l’ambiente e la salute.

auto-elettrica

Questa settimana, precisamente il 26 gennaio, è entrato in vigore il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 219/2015: “Regolamento recante sistema di riqualificazione elettrica destinato ad equipaggiare autovetture M e N1”, (G. U. n. 7 dell’11 gennaio).
Il Decreto, che la vulgata ha subito rinominato “Decreto retrofit”, norma regole e passaggi necessari per trasformare ed omologare un veicolo a motore tradizionale (termico) in uno elettrico e per molti rappresenta certamente un passo notevole nella direzione della svolta eco nella mobilità nazionale e nella riduzione dei consumi di petrolio e dei suoi derivati (benzine, gasoli, gpl e metano).

Il Decreto consta di 9 articoli e diverse Note e, come recita all’art. n. 1 (“campo di applicazione”), disciplina le procedure “per l'approvazione nazionale, ai fini dell'omologazione, e le procedure di installazione di sistemi di riqualificazione elettrica su veicoli delle categorie internazionali M1, M1G, M2, M2G, M3, M3G, N1 e N1G, immatricolati originariamente con motore termico”.
In pratica, il Decreto coinvolge tutti i veicoli a motore con 4 ruote, con numero di posti, a seconda della categoria fino a 8 postazioni ed oltre, progettati e costruiti per il trasporto delle persone e delle merci (quindi anche autobus e autocarri).

L'esigenza primaria del provvedimento – ha dichiarato il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio - è quella di ridurre le emissioni nocive nell’ambiente prodotte da veicoli stradali con motore tradizionale, perseguendo l’obiettivo principale della regolamentazione della riqualificazione dei veicoli in circolazione sotto il profilo dell’impatto ambientale”.

Secondo quanto dettato dall’Art. 3 - (omologazione), la domanda di omologazione di un Sistema di riqualificazione elettrica dovrà essere presentata presso un Servizio Tecnico, corredata da una scheda informativa conforme al modello di cui all’Allegato “A” del Decreto stesso.
Sarà poi la Direzione generale per la motorizzazione ad omologare ogni sistema in relazione ad una o più famiglie di veicoli, a seguito dell'esito favorevole della verifica di idoneità dello stesso.
Ad ogni sistema di omologazione sarà assegnato un numero di omologazione e sarà quindi compito della Direzione generale per la motorizzazione rilasciare il certificato di omologazione del sistema di riqualificazione elettrica, recante le eventuali estensioni, in conformità al modello previsto dal Decreto.

Ovviamente ciascun sistema di riqualificazione elettrica dovrà essere progettato, costruito e montato in modo tale che, in condizioni normali di impiego e nonostante le sollecitazioni cui può essere sottoposto, non siano alterate le originarie caratteristiche del veicolo in termini di prestazioni e sicurezza, nonché in modo da resistere agli agenti di corrosione e di invecchiamento cui sarà esposto.

Al costruttore del veicolo oggetto di riqualificazione sarà richiesto il preventivo nulla osta nei casi in cui il sistema di riqualificazione elettrica richieda sostituzioni o modifiche di parti del veicolo al di fuori del sistema di propulsione stesso, ovvero di software per la gestione dei sistemi anti-bloccaggio, controllo della trazione e della stabilità del veicolo, con altri di caratteristiche diverse da quelli previsti dal medesimo costruttore del veicolo.
In alternativa al nulla osta del costruttore del veicolo, il Servizio tecnico, dovrà procedere alle verifiche e prove necessarie per accertare, sul singolo tipo di veicolo, che le modifiche effettuate assicurino un livello di sicurezza e di prestazioni non inferiori a quello del veicolo originario.

Il Decreto (art. 5), impone al costruttore del sistema di riqualificazione elettrica l’onere dell’omologazione e della conformità di produzione di tutti i componenti del sistema stesso, nonché delle modifiche necessarie per installare il sistema su un veicolo appartenente al campo di impiego del sistema medesimo; esso è responsabile, altresì delle procedure di recupero e trattamento del pacco batterie esauste.
Inoltre, il costruttore del sistema di riqualificazione elettrica dovrà rilasciare un apposito certificato di conformità, redatto secondo il modello di suggerito dall’apposito allegato D del Decreto.
Infine, ogni sistema di riqualificazione elettrica dovrà essere corredato di tutte le informazioni di uso, manutenzione, installazione e smaltimento dello stesso, destinate all'installatore e all'utilizzatore.
Il sistema è altresì corredato da istruzioni e avvertenze (rescue card) da utilizzarsi in caso di interventi di emergenza.

L’eventuale installazione di un sistema di riqualificazione elettrica su un veicolo comporta, secondo il Decreto, l'aggiornamento della carta di circolazione, nei casi e con le modalità stabilite con provvedimento della Direzione generale per la motorizzazione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.
Non è consentito il ripristino del motore endotermico su un veicolo che sia stato oggetto di riqualificazione elettrica in conformità al presente decreto.

Per quanto riguarda, infine, il riconoscimento dei sistemi omologati da altri Stati dell'Unione europea e dello Spazio economico europeo, il Decreto precisa, all’art. 8 che: “I sistemi equivalenti al sistema di riqualificazione elettrica, omologati da Stati appartenenti all'Unione europea ed allo Spazio economico europeo, sono soggetti a verifica delle condizioni di sicurezza del prodotto e di protezione degli utenti”.
La verifica di questi è effettuata da un Servizio tecnico, sulla base di idonea documentazione, rilasciata dallo Stato che ha provveduto all'omologazione. Quest'ultima è riconosciuta in ambito nazionale solo se, dall'esame documentale, si evince che le condizioni di sicurezza del sistema e di protezione degli utenti sono equivalenti o superiori a quelle richieste dal presente decreto.

Certamente, il provvedimento va nella direzione di favorire, nei consumatori, il ricorso a tecnologie impiantistiche volte alla riduzione dei consumi di combustibili derivanti da fonti fossili e della green mobility in generale, tuttavia, dovranno essere affrontate – dal mercato – le questioni relative ai costi di produzione e di installazione di tali sistemi di riqualificazione elettrica.

Altro punto dolente; la questione delle colonnine di ricarica, ancora poco diffuse sul territorio, cosa, questa, che, accanto all’alto costo dei veicoli elettrici ha, finora, scoraggiato molti consumatori.

Ci auguriamo presto un cambio di tendenza.


Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.

Questo sito utilizza cookie in conformità alla policy Free Service Group S.r.l. e cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information