italian english

La maggior parte degli stati membri dell'UE applica attualmente una qualche forma di tassazione per ridurre le emissioni di CO2, ma mancano ancora all'appello Italia, Bulgaria, Polonia, Estonia e Litania.

tasse-auto-europa

La tassazione sui veicoli a motore nell'UE-15 vale 413 miliardi di euro l'anno, circa tre volte il bilancio totale dell'Unione europea e questa cifra risulta in crescita del 4% rispetto all'anno precedente.

Sono i dati forniti dall'Acea, Associazione europea dei costruttori di automobili, che ha appena pubblicato la Guida fiscale 2018, contenente le informazioni più aggiornate sulle tasse auto: dall'acquisto (IVA, imposta sulle vendite, imposta di immatricolazione), al possesso (tassa annuale di circolazione, tasse stradali) al carburante (accise).

"La tassazione degli autoveicoli - ha affermato il segretario generale di ACEA, Erik Jonnaert - vale centinaia di miliardi di euro all'anno per i governi europei, contribuendo in modo significativo ai progetti finanziati con fondi pubblici e alla salute generale dell'economia".

La nuova Guida fiscale mostra un'ampia diversità tra i vari Paesi dell'UE dal punto di vista sia della base fiscale che dei livelli di tassazione dei veicoli in base alla loro potenza, prezzo, peso, cilindrata o una combinazione di questi fattori.
Sempre più spesso, tuttavia, i paesi stanno adottando nuovi sistemi di tassazione basati sulla CO2.

L'imposizione fiscale basata sulle emissioni di CO2 è ormai ben consolidata in tutta l'Unione europea e la maggior parte degli stati membri dell'UE applica attualmente una qualche forma di tassazione per ridurre le emissioni di CO2 al momento dell'immatricolazione dei veicoli o sulla proprietà delle autovetture.
La stessa Acea ha pubblicato recentemente un documento che fornisce una panoramica completa delle imposte sugli autoveicoli basate sulle emissioni di CO2 nell'Unione europea.

I 20 paesi dell'UE che applicano tasse automobilistiche basate parzialmente o totalmente sulle emissioni e / o sul consumo di carburante sono Austria, Belgio, Croazia, Cipro, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia e Regno Unito.

All'appello mancano ancora Italia, Bulgaria, Polonia, Estonia e Litania dove non sono presenti tasse automobilistiche che favoriscano la riduzione delle emissioni di CO2.

Di seguito la panoramica completa realizzata da Acea sull'imposizione fiscale degli Stati UE basata sulle emissioni di CO2.

AUSTRIA
Si applica una detrazione dell'IVA per le autovetture a emissioni zero di CO2 e si paga la NoVA (Normverbrauchsabgabe o tassa su consumo di carburante / inquinamento) sull'acquisto di un'auto nuova.
Anche l'imposta sulle autovetture è basata sulle emissioni di CO2.

BELGIO
Tassa di immatricolazione:
- nelle Fiandre si basa sulle emissioni di CO2 e su livelli di carburante, età ed emissioni.
- la regione vallona gestisce un sistema di bonus / malus basato sulla CO2 per cui le auto che emettono 146 g / km o oltre pagano una penalità (massimo € 2.500 per le automobili che emettono più di 255 g / km).
- la Regione fiamminga applica un correttivo ambientale sulla tassa annuale di circolazione in base alle emissioni di CO2, al tipo di carburante e agli standard di emissione. Il governo fiammingo concede inoltre un cosiddetto premio ecologico alle società che investono in tecnologie sostenibili e / o efficienti dal punto di vista energetico.
La deducibilità dell'imposta sulle società connessa all'impiego delle auto aziendali è legata alle emissioni di CO2.

CIPRO

La tassa di immatricolazione e la tassa stradale annuale si basano sulle emissioni di CO2.

CROAZIA

La prima immatricolazione di un veicolo a motore è soggetta al pagamento di una tassa speciale basata sul prezzo di acquisto del veicolo, sulle emissioni di CO2 e sul tipo di carburante.

DANIMARCA

La tassa annuale di circolazione ("Imposta sui proprietari ecologici") si basa sul consumo di carburante:
- Vetture a benzina: le tariffe semestrali variano da 330 corone danesi per le auto che percorrono almeno 50 km per litro di carburante a 11.430 corone danesi per le auto che percorrono meno di 4,5 km per litro di carburante.
- Automobili diesel: le tariffe semestrali variano da 130 corone danesi per le auto che percorrono almeno 56,3 km per litro di carburante a 16.720 corone danesi per le auto che percorrono meno di 5,1 km per litro di carburante.
- Metano o auto a biogas: le tariffe sono le stesse delle auto diesel.

FINLANDIA

L'imposta di registro si basa sulle emissioni di CO2: le tariffe variano dal 3,3% al 50%. L'imposta sarà ridotta in quattro fasi tra il 2016 e il 2019 per le auto con emissioni di CO2 pari o inferiori a 141 g / km.
L'imposta annuale di circolazione si basa sulle emissioni di CO2 delle auto immatricolate dal 1 ° gennaio 2001 (massa totale fino a 2.500 kg) o dal 1 ° gennaio 2002 (massa totale superiore a 2.500 kg) e per i veicoli commerciali immatricolati dal 1 ° gennaio 2008 e variano da € 106,21 a € 654,44.
Le accise per i carburanti stradali dipendono dal contenuto energetico e dalle emissioni di CO2 del carburante.

FRANCIA

Dal 1 ° gennaio 2018 è attivo il Sistema di bonus-malus basato sulle emissioni di CO2:
- Il malus è fissato da € 50 (da 120 g CO2 / km) a € 10.500 (per 185 g di CO2 / km o più).
- Solo i veicoli che emettono 20 g CO2 / km o meno ha diritto al bonus che è pari a € 6.000.
Un bonus aggiuntivo di € 200 è concesso quando un veicolo di almeno 15 anni viene rottamato.
Un sistema di demolizione aggiuntivo è in vigore per le auto diesel immatricolate nel 2006 o prima (il bonus massimo è di € 2.500 per le emissioni di 20 g di CO2 / km o meno).
Per le autovetture immatricolate per la prima volta in Francia a partire dal 1 ° gennaio 2009, viene introdotta una tassa annuale in base alle emissioni di CO2.
L'imposta automobilistica aziendale si basa sulle emissioni di CO2 e le aliquote fiscali variano da € 2 per ogni grammo emesso tra 50 g / km e 100 g / km a € 27 per ogni grammo emesso al di sopra di 250 g / km.

GERMANIA

La tassa annuale di circolazione per le automobili immatricolate a partire dal 1 ° luglio 2009 si basa sulle emissioni di CO2 ed è composta da una tassa base e una tassa sulle emissioni di CO2. L'imposta base è di € 2 per 100 cc (benzina) e € 9,50 per 100 cc (diesel). La tassa sulla CO2 è lineare a 2 € per ogni g / km emesso al di sopra di 95 g / km.
Le auto con emissioni di CO2 inferiori a 95 g / km sono esenti dalla componente di imposta sulla CO2.

GRECIA

La tassa di immatricolazione si basa sulle emissioni di CO2.
Il coefficiente di emissioni di CO2 varia da 0,95 - per i veicoli che emettono fino a 100 g / km - a 2,00 per i veicoli che emettono più di 250 g / km.
La tassa annuale di circolazione per le auto registrate dopo il 31 ottobre 2010 si basa sulle emissioni di CO2 e le tariffe variano da € 0,90 per grammo di CO2 emessa (91-100 g / km) a € 3,72 al grammo (251 g / km o più).
Le auto con emissioni fino a 90 g / km sono esenti.

IRLANDA

L'imposta di registro si basa sulle emissioni di CO2 e le tariffe variano dal 14% per le auto con emissioni di CO2 fino a 80 g / km al 36% per le auto con emissioni di CO2 di 226 g / km o più.
L'IVA è deducibile per le auto immatricolate dopo il 1 ° gennaio 2009 con emissioni di CO2 inferiori a 156 g / km e che sono principalmente utilizzate (almeno il 60%) per scopi commerciali.
La tassa annuale di circolazione per le automobili registrate dal 1 ° luglio 2008 si basa sulle emissioni di CO2 e le tariffe variano da € 120 (0g / km) a € 2.350 (226g / km o più).

LETTONIA

Per autovetture registrate dopo il 31 dicembre 2009, l'imposta sulla circolazione stradale viene calcolata in base alle emissioni di CO2 e le tariffe variano da € 12 (51-95 g / km) a € 756 (oltre 350 g / km).

LUSSEMBURGO

La tassa annuale di circolazione per le auto immatricolate dopo il 1 ° gennaio 2001 si basa sulle emissioni di CO2.
Le aliquote fiscali vengono calcolate moltiplicando le emissioni di CO2 in g / km per 0,9 per le auto diesel e per 0,6 per le auto che utilizzano altri combustibili e con un fattore esponenziale

MALTA

La tassa di immatricolazione è calcolata tenendo conto delle emissioni di CO2, del valore di registrazione e della lunghezza del veicolo.
L'imposta annuale di circolazione si basa sulle emissioni di CO2 e sull'età del veicolo. Durante i primi cinque anni, l'imposta dipende solo dalle emissioni di CO2 e varia da € 100 per un'auto che emette fino a 100 g / km a € 180 per un'auto che emette tra 150 g / km e 180 g / km.

PAESI BASSI

La tassa di immatricolazione è calcolata in base alle emissioni di CO2 e le tariffe variano da € 2 (tra 1 e 73 g di CO2 / km) a € 458 (per 163 g di CO2 / km e oltre).
Le auto con zero emissioni di CO2 sono esenti.
A partire dal 1 ° gennaio 2018, è applicabile una maggiorazione fissa di € 356 per tutte le autovetture nuove vendute con elevate emissioni di CO2 e viene applicato un supplemento ai veicoli diesel con emissioni di CO2 superiori a 63 g / km (87,38 euro nel 2018).
A partire dal 1 ° gennaio 2016, le aliquote della tassa stradale (ACT) sono stabilite in base alle emissioni di CO2, peso lordo del veicolo, tipo di carburante e regione/provincia.
L'imposta sulle autovetture aziendali si basa sulle emissioni di CO2 (se l'uso privato supera i 500 km all'anno).
Le tariffe variano dal 4% del valore di catalogo del veicolo (per le auto che emettono 0g CO2 / km) al 22% (per tutte le altre auto).

PORTOGALLO

L'imposta di registro si basa sulla capacità del motore e sulle emissioni di CO2.
Le tariffe sono calcolate come segue:
- Tariffe più basse: per le auto a benzina che emettono meno di 100 g / km e per le auto diesel che emettono meno di 80 g / km.
- Tariffe più elevate: per le auto a benzina che emettono più di 195 g di CO / km e per le auto diesel che emettono più di 160g.
La tassa annuale di circolazione per le auto immatricolate dopo il 1 ° luglio 2007 si basa sulle emissioni di CO2 e sulla cilindrata.

ROMANIA

A maggio 2017 è stato lanciato un sistema di tre anni per il rinnovo del parco auto
che include un programma di rottamazione e incentivi come segue:
- Un bonus di € 1.500 per la demolizione di un veicolo più vecchio di otto anni e per l'acquisto di un nuovo veicolo con emissioni di CO2 inferiori a 130 g / km.
- Un bonus di € 1.500 e un bonus Eco di € 250 (totale € 1.750) per la demolizione di un veicolo più vecchio di otto anni e per l'acquisto di un nuovo veicolo con emissioni di CO2 inferiori a 98 g / km. - Un contributo di € 10.000 per l'acquisto di un nuovo veicolo elettrico a cui possono essere aggiunti € 1.500 per la demolizione di un veicolo di età superiore agli otto anni.
- Un contributo di € 4.500 per l'acquisto di un nuovo veicolo ibrido.

REGNO UNITO
La tassa annuale di circolazione per le auto immatricolate dopo marzo 2001 si basa sulle emissioni di CO2. Per le tariffe standard le auto vanno da 0 (fino a 100 g / km) a 535 sterline (oltre 255 g / km). Inoltre, dal 1 ° aprile 2010 si applica una tariffa di immatricolazione per il primo anno. Le tariffe variano da 10 sterline (da 1 a 50 g / km) a 2.000 sterline (oltre 255 g di CO2 / km). Le auto a carburanti alternativi ricevono uno sconto di 10 sterline sulle tariffe pagate. L'imposta sulla macchina aziendale è stabilita in base alle emissioni di CO2 (g / km) della vettura e al tipo di carburante.

REPUBBLICA CECA
Non si pagano tasse in base alle emissioni di CO2 ma viene aggiunto un supplemento oltre alla tassa di immatricolazione per i veicoli che non rispettano almeno lo standard di emissione Euro 3.

SLOVACCHIA
La pressione fiscale automobilistica non è incentrata sulle emissioni, ma le tasse autostradali per l'utilizzo di determinate sezioni di autostrade e superstrade si basano sulle classi Euro di emissione.

SLOVENIA

La tassa di immatricolazione si basa sul prezzo e sulle emissioni di CO2.
Le tariffe variano dallo 0,5% (benzina) all'1% (diesel) per le auto che emettono fino a 110 g CO2 / km al 28% (benzina) e al 31% (diesel) per le auto che emettono più di 250 g CO2 / km.

SPAGNA

L'imposta (IEDMT, Impuesto Especial sobre Determinados Medios de Transporte) applicata alla prima immatricolazione si basa sulle emissioni di CO2 e le tariffe variano dal 4,75% (121-159g / km) al 14,75% (200g / km e oltre). Dal 2016 si applica una riduzione del pagamento della tassa sull'auto aziendale a veicoli Euro 6 che emettono meno di 120g CO2 / km e alle auto con alimentazione alternativa.

SVEZIA

Dal 1 ° luglio 2018 sarà introdotto un nuovo sistema bonus-malus per incentivi e tassazione dei veicoli leggeri.
Il nuovo veicolo immatricolato riceverà un bonus fino a un massimo di 60.000 corone svedesi (circa 5.700 euro) a seconda delle emissioni di CO2.
Anche la tassa annuale di circolazione per auto e camion si basa sulle emissioni di CO2 e coni di CO2.

UNGHERIA

La pressione fiscale automobilistica non è incentrata sulle emissioni, ma la tassa di immatricolazione si basa su classi di protezione ambientale in conformità con le norme di emissione dell'UE.


Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.

Questo sito utilizza cookie in conformità alla policy Free Service Group S.r.l. e cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information