italian english

Nel 2018 continuano a calare i morti sulle strade europee, ma sono necessari ulteriori sforzi per fare un grande balzo in avanti in termini di sicurezza stradale.

incidente

Secondo i nuovi dati preliminari sulla mortalità stradale per il 2018 pubblicati dalla Commissione europea, lo scorso anno circa 25.100 persone hanno perso la vita in incidenti stradali nell'UE-28.
Le strade europee sono di gran lunga le più sicure al mondo e ciò è dimostrato dal fatto che la mortalità (in media 49 morti per milione di abitanti) è calata del 21% rispetto al 2010 e dell'1% rispetto al 2017.

L'Europa è sulla buona strada per dimezzare il numero delle vittime entro il 2020, ma per raggiungere tale obiettivo ora sono necessari sforzi risoluti e ben mirati a tutti i livelli e in tutti i settori.

"Accolgo con favore, naturalmente, qualsiasi riduzione del numero di persone uccise sulle strade, - ha dichiarato Violeta Bulc, Commissario europeo per i trasporti - ma ogni singolo decesso è inaccettabile. Abbiamo dimostrato determinazione e ambizione nella nostra lotta per la sicurezza stradale, adottando un piano d'azione strategico, misure concrete per la sicurezza e le infrastrutture dei veicoli, nonché un quadro d'azione. Stiamo continuando i nostri sforzi per raggiungere "Vision Zero" (zero morti sulle strade entro il 2050) e ci impegniamo a lavorare con tutti gli Stati membri, nonché con gli attori del Parlamento e della sicurezza stradale, per garantire il livello di sicurezza che i cittadini dell'UE richiedono e meritano".

Nel 2018, la maggior parte degli Stati membri aveva un tasso di mortalità stradale inferiore a 60 morti per milione di abitanti.
I paesi dell'UE con i migliori risultati nel 2018 sono stati il Regno Unito (28 morti / milione di abitanti), la Danimarca (30 / milione), l'Irlanda (31 / milione) e la Svezia (32 / milione).
La diminuzione media europea del numero di vittime della strada è stata solo dell'1% rispetto al 2017, ma alcuni paesi hanno fatto ulteriori progressi, come la Slovenia con un calo del 13%, la Lituania con l'11%, la Bulgaria con 9% e Slovacchia e Cipro con l'8%.
Dal 2010 il più grande calo del numero di vittime stradali è stato registrato in Grecia (45%) e in Lituania (43%), seguite da Portogallo (35%) e Slovenia (34%).
Solo 2 Stati membri (erano 7 nel 2010) hanno superato il tasso di mortalità stradale di 80 morti per milione di abitanti: Romania (96 / milione) e Bulgaria (88 / milione).
Gli altri Stati con alti tassi di mortalità sono stati la Lettonia (78 / milione) e la Croazia (77 / milione).
In Italia il tasso di mortalità su strada in Italia è migliorato del 20% nel 2018 rispetto al 2010, con una stima di 55 morti per milione di abitanti.

Migliorano i tassi di mortalità per i conducenti di auto e i passeggeri, grazie alle auto che nel tempo sono diventate più sicure, ma pedoni, ciclisti, motociclisti e anziani, soprattutto nelle aree urbane sono stati gli utenti della strada più vulnerabili e rappresentano quasi la metà delle vittime di incidenti stradali.

Nel 2017, il 34% di tutte le vittime di incidenti stradali erano nella fascia di età compresa tra 25 e 49 anni e quasi il 13% aveva un'età compresa tra i 18 e i 24 anni.
Ciò significa che i giovani sono molto più a rischio rispetto alla popolazione media e la maggior parte (67%) dei giovani uccisi in incidenti stradali erano guidatori, mentre solo l'8% erano pedoni.

In generale, l'età media delle vittime di incidenti stradali nell'UE è in aumento.
Mentre nel 2010 il 18% delle vittime della strada erano anziani, nel 2017 questa percentuale è salita al 28% e i più colpiti tra gli over 65 sono pedoni.

La Commissione europea ha disposto piani ambiziosi per la gestione della sicurezza stradale, il sostegno finanziario, le infrastrutture, i veicoli, l'uso sicuro della strada, la risposta alle emergenze, le sfide emergenti e la dimensione globale.
In questo modo cercherà di raggiungere l'obiettivo a lungo termine di non avere più nessun morto e ferito grave sulle strade entro il 2050 e nel breve periodo prevede di dimezzare il numero di vittime e feriti gravi tra il 2020 e il 2030.


Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.

Questo sito utilizza cookie in conformità alla policy Free Service Group S.r.l. e cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information