italian english

Il 9,3% del totale parco auto italiano è ad alimentazione alternativa e la crescita dell'elettrico è stata del 130% dal 2015 al 2018.

auto-elettriche-in-ricarica

Stenta a decollare la mobilità sostenibile in Italia.

Secondo una recente analisi di Facile.it su dati ACI, a dicembre 2018 le auto elettriche e ibride immatricolate in Italia erano appena poco più di 256.000, vale a dire lo 0,66% del totale parco auto circolante.

Se si considerano anche Gpl e metano, si arriva, complessivamente, a 3,6 milioni di veicoli, ovvero il 9,3% del totale parco auto circolante.

In generale, il peso percentuale dei veicoli sostenibili cresce a ritmi molto contenuti (appena un punto percentuale in più dal 2015 al 2018), ma i soli modelli elettrici e ibridi, pur rappresentando ancora una nicchia, stanno registrando percentuali di crescita a tre cifre: dal 2015 al 2018 sono cresciute del 130%.

La diffusione locale di questo genere di veicoli è strettamente legata allo sviluppo di una rete di punti di ricarica e in testa alla classifica regionale, per peso dell’elettrico sul totale veicoli circolanti, si posizionano le regioni del Nord.

Prima in classifica la Lombardia, dove, a dicembre 2018, si contavano più di 73.000 veicoli di questo tipo, pari all’1,20% del totale.

Al secondo posto si posiziona il Trentino-Alto Adige, con l’1,12% e al terzo posto l’Emilia-Romagna, con una percentuale pari all’1,03%, seguita da Veneto (0,92%) e Lazio (0,90%).

Nelle prime 5 regioni si concentra il 70% dei veicoli elettrici e ibridi immatricolati in tutta Italia.

L'ultimo posto spetta alla Campania (0,13%), seguita dalla Basilicata (0,14%) e dalla Calabria (0,16%).

In queste aree la bassissima presenza di colonnine elettriche di ricarica penalizza fortementev la diffusione dell'elettrico.

tabella-alimentazione-auto-regioni

Analizzando i numeri per macro aree e alimentazione alternativa, risulta che gli automobilisti residenti nel Nord Est e nel Centro Italia siano i più sensibili alle tematiche della mobilità sostenibile, con il 12,5% e l’11% dei veicoli alimentato a GPL, metano, elettrico o ibrido.

Al Sud la percentuale scende all’8,6%, nel Nord Ovest all’8,1%, mentre sulle Isole il dato crolla al 4%.

La regione Marche è la più virtuosa; qui quasi 200.000 veicoli, vale a dire un’auto su 5 (19,4%), sono alimentati a Gpl, metano, elettricità o con sistema ibrido.

Al secondo posto l’Emilia-Romagna con il 19% , seguita dall’Umbria con il 13,9%.

Gli automobilisti meno virtuosi d’Italia sono quelli residenti in Valle d’Aosta, dove appena il 2,3% delle auto ha un’alimentazione diversa da diesel e benzina.

Seguono gli automobilisti della Sardegna, (2,8%) e della Calabria, che raggiunge il 3,6%.


Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.

Questo sito utilizza cookie in conformità alla policy Free Service Group S.r.l. e cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information