italian english

Mentre i progressi in Europa negli ultimi 9 anni sono stati deludenti, alcuni paesi hanno invece portato avanti una rivoluzione silenziosa frutto di investimenti significativi e leadership strategica sulla sicurezza stradale.

incidenti-stradali

Estonia, Grecia, Lituania, Lettonia e Portogallo sono stati i Paesi con le migliori prestazioni nell'Unione Europea in materia di sicurezza stradale.
È quanto emerge da un nuovo rapporto sui progressi compiuti nel ridurre i decessi stradali in Europa pubblicato recentemente da ETSC (Consiglio europeo per la sicurezza dei trasporti).

L'Estonia, che ha ricevuto il premio ETSC Road Safety Performance Index (PIN) di quest'anno, attualmente ha un livello di mortalità stradale (morti per strada per milione di abitanti) paragonabile ai Paesi Bassi: un risultato notevole frutto di investimenti significativi e leadership strategica sulla sicurezza stradale portati avanti da diversi anni.

Mentre i progressi in Europa sono stati deludenti negli ultimi 9 anni, - ha commentato Antonio Avenoso, Direttore esecutivo del Consiglio europeo per la sicurezza dei trasporti - alcuni paesi hanno subito una rivoluzione silenziosa in materia di sicurezza stradale. Siamo lieti quest'anno di premiare l'Estonia per i suoi notevoli progressi, dopo la vittoria dell'Irlanda nel 2019. ”

Il Rapporto mostra anche che due leader tradizionali europei in materia di sicurezza stradale, Paesi Bassi e Regno Unito, hanno registrato un numero maggiore di decessi nel 2019 rispetto al 2010, pur rimanendo relativamente sicuri rispetto alla mortalità stradale del resto d'Europa.

Anche Francia, Svezia e Germania hanno ottenuto pochi progressi negli ultimi 9 anni con riduzioni modeste delle morti stradali.

La Bulgaria e la Romania si confermano i peggiori Paesi in Europa in termini di mortalità stradale e negli ultimi anni hanno anche registrato riduzioni inferiori alla media europea.

grafico-mortalita-stradale-europa-2000-2010

L'UE e i suoi Stati membri hanno concordato un obiettivo per dimezzare le morti sulla strada nel decennio 2010/2020.
I dati completi per il 2020 saranno disponibili solo il prossimo anno, ma già da ora si capisce che l'obiettivo non sarà raggiunto.

Dal 2010, i paesi dell'UE hanno ottenuto una riduzione complessiva dei decessi stradali del 24%, il che equivale a una riduzione media annua del 2,7%.
Tuttavia, sarebbe stata necessaria una riduzione annua del 6,7% per raggiungere l'obiettivo del 2020 attraverso progressi costanti in termini percentuali annui.

Per raggiungere l'obiettivo, l'UE dovrebbe ridurre il numero di vittime della strada del 34,5% tra il 2019 e il 2020.
Un obiettivo davvero improbabile, nonostante il significativo calo delle morti su strada che si è registrato in diversi paesi europei negli mesi scorsi a seguito delle politiche di blocco per il contenimento del Covid-19.

"Complessivamente, gli Stati membri dell'UE dovranno potenziare le attrezzature per raggiungere i nuovi obiettivi per il 2030. - ha aggiunto Avenoso - Ma la recente risposta all'epidemia di Covid-19 potrebbe indicare una via da seguire. Un drammatico passaggio a piedi e in bicicletta nelle aree urbane, combinato con cambiamenti infrastrutturali e limiti di velocità inferiori, potrebbe avere un impatto enorme sulla morte e sugli incidenti stradali. Ma se dovessimo tornare alle solite attività dopo questa crisi, i risultati potrebbero essere persino peggiori di prima. Ci sono già segnali di pericolo nel gran numero di reati di eccesso di velocità segnalati quando vengono tolti i blocchi, il che non fa che aumentare il lavoro della polizia e dei servizi di emergenza”.

La sicurezza stradale nell'UE probabilmente vedrà un impulso maggiore nei prossimi 10 anni grazie alla nuova legislazione sugli standard minimi di sicurezza dei veicoli e delle infrastrutture concordata lo scorso anno.
Tuttavia, molto dipenderà dagli standard tecnici dettagliati per le nuove leggi, che sono attualmente in fase di elaborazione.

In particolare, l'ETSC mostra forte preoccupazione per i requisiti della tecnologia ISA (Intelligent Speed Assistance) per le nuove auto e per gli standard di "visione diretta" (per migliorare la visibilità intorno al veicolo per i conducenti) per i nuovi camion, che rischiano entrambi di essere indeboliti dalle pressioni dell'industria automobilistica.


Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.

Questo sito utilizza cookie in conformità alla policy Free Service Group S.r.l. e cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information