italian english

Sostenibilità

Associazione Nazionale Demolitori Autoveicoli

Creata nel 2001 e frutto di una joint venture tra una società finanziaria a capitale italiano, Investo, e uno tra i maggiori riciclatori di catalizzatori automobilistici e industriali al mondo, Techemet a Houston, a cinque anni dalla sua fondazione Invemet si conferma primo operatore in Italia e tra i primi in Europa. Un successo di cui sia Torino che Houston vanno fieri, malgrado si scherniscano con una modestia di tradizione sabauda gli uni e ostentino un sano pragmatismo anglosassone gli altri, senza lasciarsi andare a inutili auto celebrazioni. Si attengono ai fatti, italiani e americani: questo successo non viene dal nulla ma è frutto di notevoli investimenti non solo finanziari, ma anche tecnologici e di capitale umano. Basti pensare alla rete di raccolta organizzata in Italia e cresciuta negli anni per offrire quotidianamente ai fornitori di catalizza- tori un servizio puntuale, capillare e affidabile. Allo sviluppo di network che grazie alla cooperazione con altre aziende nel settore del recupero ha permesso di coprire sempre meglio il territorio nazionale.

Leggi tutto...

Associazione Nazionale Demolitori Autoveicoli

La categoria da noi rappresentata sta vivendo un momento di grande tensione, le modifiche apportate al decreto L.vo 209/03 e l'avvento dell'articolo 227 della Legge Delega in materia di rifiuti, hanno rappresentato un passo avanti verso la soluzione delle necessità dei demolitori, ma non hanno risolto del tutto i nostri problemi. Intanto i produttori di autoveicoli, credo abbiamo maturato, finalmente, la convinzione di potere firmare un protocollo d'intesa con l'ADA apportando alla loro proposta, già oggetto dell'intesa con i demolitori associati a FISE-Assoambiente, una importante modifica voluta dai vertici dell'ADA.

Leggi tutto...

Come è noto il fluff di frantumazione o ASR (Automobile Shredder Residue) costituisce una quantità rilevante dei residui della frantumazione dei veicoli fuori uso sottoposti ad operazioni preventive di messa in sicurezza e di demolizione, circa il 30% in peso di un veicolo, mentre il restante 70% è costituito da metalli ferrosi e non. Le quantità tendono a crescere anche per la progressiva riduzione dei materiali non metallici nei veicoli. Il fluff è oggi comunemente inviato in discarica e rappresenta il maggior problema di smaltimento in UE e negli altri paesi industrializzati, riuniti nell'organizzazione OECD (Organisation for Economic Cooperation and Development), rappresentando fino al 10% di rifiuti pericolosi prodotti annualmente nella UE stessa. Dai dati del Rapporto dell'APAT sui rifiuti del 2004, che si basano sulla stima effettuata dall'Associazione delle aziende di frantumazione dei rottami metallici (AIRA) dai sedici impianti di frantumazione operanti in Italia, per la maggior parte localizzati nel nord del Paese si rivela che, le quantità di rottami metallici, provenienti dal flusso dei veicoli fuori uso, sono state, nell'anno 2001, pari a 1,470 milioni di tonnellate, dato abbastanza coerente con le radiazioni dal PRA fornite dall'ACI per lo stesso anno, pari a circa 1,6 milioni di veicoli. Le quantità dei residui in uscita dagli impianti di frantumazione (fluff), ammonterebbe, quindi, a circa 450 mila tonnellate anno, dato sicuramente sottostimato. La quantità di fluff oggi può essere stimata in una cifra superiore alle 500 mila tonnellate ed essa, per la quasi totalità, viene smaltita in discarica.

Leggi tutto...

L'energia rinnovabile e le sue applicazioni

È veramente singolare l'iniziativa di un autodemolitore che, in perfetta sintonia con il concetto di sostenibilità, ha affidato ad una ditta il compito di avviare uno studio per la progettazione della solarizzazione dell'impianto, dove si svolge la sua attività. La ditta in questione ha come focus la ricerca e lo sviluppo di sistemi innovativi per il fotovoltaico, come dimostrano i 5 brevetti conseguiti che vanno dall'illuminazione pubblica FV ai sistemi di auto-produzione energetica, a quelli ad inseguimento solare. L'azienda è specializzata in progettazione di impianti fotovoltaici connessi a rete (grid-connected) e isolati (stand-alone). Il referente è l'ing. Stefano Luciani, al quale abbiamo rivolto alcune domande. So che è in atto uno studio preliminare su un progetto di solarizzazione di un impianto di autodemolizione.

Leggi tutto...

Per un corretto e sostenibile smaltimento dei veicoli a fine vita Intervista a Luigi Bianchi, Presidente ADA

Presidente, in questa particolare fase della vita associativa, quali passi le chiedono di intraprendere i suoi Soci? Complessivamente, quello che i Soci richiedono è di rimanere nel mercato a condizioni possibili, cosa che la Direttiva Europea 2000 / 53 in più punti aveva rimarcato, sottolineato e, devo aggiungere, quasi imposto al legislatore, laddove si dice in più passaggi che deve essere favorito il mantenimento e addirittura l'inserimento delle piccole medie aziende nella gestione del fine vita dell'auto. Quindi quello che si richiede, nella linea della razionalizzazione, del miglioramento qualitativo delle aziende, del "salto di qualità", come ama dire qualche mio Consigliere, - tutte espressioni giuste e dovute - è di conservare quel ruolo che abbiamo acquisito negli anni e che il Decreto Ronchi ha in qualche modo consacrato affidandoci la radiazione delle vetture a fine vita. Quindi non chiediamo più di quel che ci consente di conservare il nostro ruolo nel mercato, migliorando la condizione aziendale, senza dimenticare che il nostro è un settore che non ha mai usufruito, nel corso della sua storia, di incentivi, di mobilità, di cassa integrazione. Le nostre sono tutte aziende che si sono costruite da sole diventando in molti casi delle realtà importanti, al punto che, fra i fra i nostri Associati, vi sono aziende che raggiungono i 25-30 dipendenti.

Leggi tutto...

Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.

Questo sito utilizza cookie in conformità alla policy Free Service Group S.r.l. e cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information