italian english

Materiali e rifiuti

L’UE vuole più controlli sui trasporti dei rifiuti ma non ci sono ancora le giuste stutture

La Commissione Europea ha pubblicato il 1° febbraio 2010 uno Studio commissionato a Milieu Ltd, AmbienteDura e FFACT, inteso a verificare la possibilità di ipotizzare, a livello Comunitario, “l’istituzione di un organismo europeo specifico incaricato di sorvegliare l’attuazione e l’applicazione della normativa UE sui rifiuti”.
L’iniziativa è solo una delle tante che, a livello UE si stanno perseguendo per risolvere le complesse dinamiche legate alla cattiva gestione dei rifiuti, la cui produzione europea si aggira attorno ai 2,6 milioni di tonnellate, 90 milioni delle quali, circa, sono classificate come “rifiuti pericolosi”.
Né la mole della produzione sembra essere l’unico problema da risolvere, dal momento che, pur nella civilissima Europa, l’empia pratica dello smaltimento illegale appare ancora ampiamente utilizzata, soprattutto in Italia.
Nello specifico del settore dell’autodemolizione, ad esempio, l’UE ha pubblicato nei mesi scorsi la seconda relazione che fa il punto sullo stato di attuazione della Direttiva 2000/53/ CE, prendendo in esame il triennio 2005-2008 (la precedente COM/2007/0618 prendeva in esame il periodo 2002-2005). Ebbene, come la prima, anche quest’ultima presenta una fotografia in chiaroscuro, evidenziando che: “Alcune disposizioni della direttiva non sono state ancora recepite completamente o correttamente, come dimostra il numero di procedimenti d’infrazione”.

Leggi tutto...

A Tokyo, da settembre 2009 ha aperto i battenti il primo parco pubblico cittadino in cui arredi e attrazioni sono realizzati con pneumatici dismessi.

Accade sempre di più che riciclo e riutilizzo siano associati ad attività ludico-didattiche pensate per informare e formare i cittadini di domani. Del resto non è difficile immaginare come proprio dai bambini arrivino i risultati migliori in termini di apprendimento laddove, viceversa, gli adulti, a causa di nozioni e comportamenti acquisiti faticano a rimettere in discussione norme comportamentali e civiche date per scontate.
Né sarà sfuggito all’attenzione dei più come, negli ultimi anni, notizie futili quali sfilate di moda con vestiti ottenuti da materiali di scarto abbiamo guadagnato le prime pagine dei quotidiani, mentre la cosiddetta Trash Art si è via via affrancata dalle provocazioni dei ghetti sub-urbani di venti e più anni fa per assurgere alle celebrazioni dei vernissages. É con un pizzico di sfacciata ironia, per tanto, che gli amministratori della città diTokyo (oltre 8.000.000 di abitanti con una densità media che supera le 5.800 persone per Km2) devono aver pensato ad una precisa tipologia di rifiuto quando hanno deciso di realizzare un parco pubblico a tema: gli pneumatici.
Una tipologia di rifiuto piuttosto complicata da gestire e che presenta caratteristiche intrinseche tali da rendere impossibile il recupero delle sue componenti a meno di non ricorrere alla valorizzazione energetica, all’utilizzo del granulato nei manti stradali di nuova concezione o allo stoccaggio in discarica.

Leggi tutto...

I dati di Assofermet relativi ai primi 2 mesi confermano un inizio del 2010 positivo che fa ben sperare dopo mesi bui e di grande crisi

Febbraio ha segnato una rinascita in quanto molti avvenimenti internazionali hanno contribuito ad un risveglio via via più evidente del mercato dei rottami in Italia dai mesi bui della crisi un discreto rimbalzo della domanda da parte dei principali consumatori nazionali in primis fin da inizio mese, la speculazione finanziaria sui metalli onnipresente ed una robusta domanda dei mercati del Far-East. E la consapevolezza che gli investimenti nel mercato dei metalli hanno distorto, negli ultimi sei mesi, le consolidate relazioni tra domanda ed offerta. L’impatto di questi livelli di prezzo e la volatilità ha un unico risultato: erodere i margini commerciali.
Il mercato dei non ferrosi è stato influenzato dai seguenti eventi:
1) i principali produttori di grezzi stanno lavorando al 70-80% di capacità e soffrono per le elevate quotazioni raggiunte dal metallo, in par ticolare la volatilità dei prezzi suggerisce prudenza e li spinge verso una politica degli approvvigionamenti tipo “just in time”.
2) C’è un miglioramento complessivo dei fondamentali per i principali metalli. I prezzi in continuo aumento stanno stimolando le richieste di grezzi da parte dei consumatori finali.
3) La crisi di Alcoa (il leader mondiale nella produzione e nella gestione di alluminio primario, alluminio secondario e allumina combinati, grazie alla sua posizione attiva e di crescente importanza in tutti gli aspetti principali del settore), ora risolta, nei due impianti italiani e le fermate di alcuni produttori nazionali per motivi contingenti hanno spinto i premi delle billette primarie\ secondarie.
4) I recenti terremoti in Cile (primo produttore di rame al mondo) e le preoccupazioni dal punto di vista della disponibilità futura di questo metallo contribuiscono a sostenere il prezzo dei catodi e dei rottami.
La situazione è nettamente migliorata anche per il rame, l’ottone, il nichel, l’allumino e il piombo.

Leggi tutto...

Forte interesse da parte del settore ELV e dall'intero comparto del riciclo

Gli obiettivi di riciclaggio che l'Unione Europea impone ai Paesi membri per quel che riguarda quella particolare tipologia di prodotti che rientra nella categoria degli autoveicoli, sono molto ambiziosi (95% del peso al 2015) e da alcune indiscrezioni che filtrano dagli ambienti di Bruxelles sembra che la Commissione stia valutando l'ipotesi di anticipare i tempi di raggiungimento dei target. Ora, già più volte, su queste pagine, abbiamo discusso di quanto sia difficile, per l'intera filiera ELV, destinare alcune tipologie di materiali (plastica, gomma, vetro) che rientrano nella componentistica degli autoveicoli.

Leggi tutto...

Ma una correzione al contributo per il riciclaggio è stata resa necessaria a seguito di una procedura di infrazione comminataci dalla Commissione europea per aver aggirato la regola sulla concorrenza

Oltre 4.000.000 di tonnellate di oli usati raccolti in 25 anni per un risparmio equivalente di circa un miliardo di euro nella bolletta energetica italiana nei corrispettivi 25 anni. Ben 212.497 tonnellate di oli lubrificanti usati raccolti nel solo 2008. Sono questi i numeri del riciclaggio di oli usati, desunti dal sito ufficiale del COOU, il Consorzio che da 1984 opera per garantire la raccolta e il corretto riutilizzo degli oli lubrificanti usati, e per informare l'opinione pubblica sui rischi derivanti dalla loro dispersione nell'ambiente. Proseguendo nella visione della home page del sito www.coou.it, si legge che "L'attività di raccolta è passata da 50.000 tonnellate nel 1984 a 212.497 tonnellate di oli usati nel 2008, il 93% del potenziale raccoglibile. Questo risultato ha consentito alla rigenerazione di produrre oltre 117.000 tonnellate di basi lubrificanti e 35.000 tonnellate di altri prodotti petroliferi (gasoli e bitume), confermando, così, la leadership europea del nostro Paese in questo particolare processo di trattamento e riutilizzo di lubrificanti usati".

Leggi tutto...

Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.

Questo sito utilizza cookie in conformità alla policy Free Service Group S.r.l. e cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information