italian english

Mercati

Unica nota lieta: le marche nazionali mantengono la loro leadership nel mercato

Anche il mese di ottobre, secondo quanto reso noto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si è chiuso con una flessione del -28,8% a 139.740 immatricolazioni rispetto alle 196.323 di un anno fa e le previsioni per gli ultimi due mesi dell’anno non lasciano spazio a inversioni di tendenza.
“Queste notevoli flessioni, che comunque fotografano un andamento non positivo - afferma Gianni Filipponi, Direttore Generale UNRAE, l’Associazione che rappresenta le Case estere che operano in Italia - sono amplificate anche dal confronto con un numero molto elevato di immatricolazioni realizzate nel corso della parte finale dello scorso anno, grazie alla spinta degli incentivi in scadenza con la fine del 2009.
Resta il fatto - sottolinea Filipponi - che il mercato 2010 rimarrà al di sotto dei 2 milioni come ampliamente previsto già da molti mesi dagli analisti della nostra Associazione”.
Nonostante tale situazione di oggettiva difficoltà, un ruolo importante hanno avuto le Case estere, grazie alla loro capacità di rinnovare i prodotti e di proporre la continua crescita dell’offerta tecnologica in fatto di sicurezza e di ecologia, fattori che hanno comunque attratto molti consumatori. Solo in termini di riduzione delle emissioni di CO2, ricordiamo gli sforzi delle Case automobilistiche per soddisfare l’obiettivo, indicato per il 2012 dall’Unione Europea, di 130 g/km. Secondo le elaborazioni dell’UNRAE, l’emissione media ponderata calcolata sulle nuove immatricolazioni nel 2008 era pari a 144,8 g/km, scesa nel 2009 a 136,6 e a 131,8 nel primo trimestre di quest’anno, per risalire nel periodo aprile ottobre a 134,2 g/km, dopo la scadenza del programma di incentivazione al rinnovo del parco.

Leggi tutto...

Continua inarrestabile la caduta verticale delle vendite e degli ordini di nuove auto anche nel mese di settembre. In base ai dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti,a settembre in Italia sono state immatricolate 154.429 autovetture nuove, in flessione del 18,9% rispetto al settembre del 2009, quando le immatricolazioni furono 190.389. Nei primi 9 mesi del corrente anno, le immatricolazioni sono 1.542.433, con una contrazione del 4,35% rispetto ai nove mesi dello scorso anno, che avevano fatto registrare 1.612.581 targhe. Quanto agli ordini, efficace indicatore del trend del mercato, in base ai dati ANFIA/UNRAE, la flessione è esattamente in linea con quella delle immatricolazioni: i 157.000 contratti hanno fatto registrare,infatti,una contrazione del 19%, mentre la riduzione cumulata della raccolta ordini dei nove mesi, con circa 1.285.000 contratti, fa registrare un calo del 23%. "Il mercato italiano dell'automobile - sottolinea Gianni Filipponi, Direttore Generale dell'UNRAE, l'Associazione che rappresenta le Case estere operanti in Italia - dopo i primi 9 mesi registra la perdita di quasi 400.000 contratti e solo grazie alle consegne incentivate effettuate nei primi 3 mesi dell'anno il consuntivo delle immatricolazioni non sarà altrettanto negativo.

Leggi tutto...

Il Presidente dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, conferma dubbi e lamentele delle Associazioni di consumatori

Ci risiamo; passata la tregua estiva durante la quale, umanamente, ci si ritaglia un ambito di "pace e sospensione" dalle beghe di ogni giorno, tornati al lavoro, col portafoglio un po' più leggero e la previsione di un inverno economicamente molto freddo, ecco pararcisi di fronte gli aumenti delle spese fisse, fra i quali quelli (piuttosto odiati) relativi alle polizze dell'assicurazione per la responsabilità civile auto (RCA). In effetti, da parecchi anni semplici cittadini, automobilisti e associazioni di consumatori lamentano un inspiegabile e costante aumento annuale delle polizze. Secondo Federconsumatori, dal 1994 ad oggi le tariffe RC auto sono aumentate del 173% e, rispetto allo scorso anno, del 18%. Analogamente, Codacons, valutando l'andamento dei premi medi delle polizze nelle maggiori città italiane (Milano, Roma, Napoli e Palermo) per quattro differenti categorie di patentati, ha riscontrato, nel periodo settembre 2009 - 2010 una variazione percentuale che va dal +16,64% di Milano al +26,05 di Napoli. "Indubbiamente si tratta di rincari ben superiori al tasso d'inflazione - dichiara Codacons - che nel periodo agosto 2009-2010 è stato pari all'1,53%".

Leggi tutto...

Record disastroso del -26%; è il peggior risultato da inizio anno

Ancora un flop a luglio per il mercato dell'auto che, con appena 152.752 unità immatricolate, chiude a -26% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Nel cumulato da inizio 2010, i volumi immatricolati si atte- stano a 1.317.260 unità, pari all'1,5% in meno rispetto ai primi sette mesi dell'anno precedente. "Il risultato di luglio conferma i timori già espressi nei mesi scorsi a causa del persistere di una difficile congiuntura economica e dell'assenza di interventi di sostegno alla domanda - ha commentato Eugenio Razelli, Presidente di ANFIA - a cui va ad aggiungersi la bassa propensione all'acquisto che caratterizza i mesi estivi. Siamo di fronte al peggior risultato da inizio anno e per trovare livelli di immatricolazioni così bassi a luglio (sotto le 160.000 unità) bisogna risalire al 1995". "Considerando anche il trend negativo della raccolta ordini (-24% nel periodo gennaio-luglio 2010) - ha proseguito - non ci sono elementi che facciano ben sperare per gli ultimi mesi dell'anno, a consuntivo del quale vedremo andare in fumo i positivi risultati ottenuti a fine 2009 in termini di performance ambientali delle vetture.

Leggi tutto...

Le immatricolazioni del mese sono le più basse dal 1996 e anche le emissioni di CO2 non danno segnali rassicuranti

Il mercato italiano dell'auto nuova, in giugno, ha registrato solo 170.625 immatricolazioni, secondo quanto reso noto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Bisogna risalire al 1996 per trovare un giugno inferiore. Rispetto all'analogo mese dello scorso anno, la flessione è del 19,1% con oltre 40.000 targhe in meno rispetto alle 210.972 del 2009. Nel cumulato dei primi sei mesi le immatricolazioni risultano 1.163.602, il 2,9% in più rispetto al primo semestre del 2009. "Il dato del semestre, però - spiega Gianni Filipponi, Direttore Generale dell'UNRAE, l'Associazione che rappresenta le case estere operanti in Italia - può trarre in inganno sul reale andamento della domanda di nuove auto. Le consegne effettuate nei primi tre mesi dell'anno, che in effetti erano la coda delle vendite con incentivi del 2009, continuano ad avere, ancora un considerevole peso sul cumulato".

Leggi tutto...

Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.

Questo sito utilizza cookie in conformità alla policy Free Service Group S.r.l. e cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information