italian english

Attualità

L'ambizioso obiettivo dello stop alla commercializzazione delle auto a benzina e diesel è contenuto in una risoluzione delle Commissioni Ambiente e Lavori Pubblici del Senato insieme ad altre misure volte alla promozione della sostenibilità nel settore mobilità.

carburanti sostenibili

L'Italia e le quattro ruote!
Una relazione di lunga data che, malgrado qualche piccolo inciampo fisiologico dovuto più che altro alle fluttuazioni del mercato e alla disponibilità economica delle famiglie, non ha mai espresso cedimenti e ripensamenti.

Leggi tutto...

Nel 2016 sono stati persi 64 giorni per fila o per blocchi della circolazione.

codaautostrada

"Cara coda ma quanto ci costi, oltre ai disagi?"
Se lo sono chiesto gli esperti dell’Asaps, Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale, che hanno stimato le ore perse nelle file in autostrada dagli automobilisti italiani.

Circa il 36% degli incidenti nell’intera rete autostradale vede il coinvolgimento dei veicoli pesanti e, tenendo conto che nel 2016 la Polizia Stradale è intervenuta in 28.153 incidenti, avvenuti sull’intera rete, compresi quelli con soli danni a cose, emerge una media di circa 77 incidenti al giorno, di cui 28 con il coinvolgimento di veicoli commerciali.

Leggi tutto...

Lo smartphone è il pericolo principale alla guida e le norme da seguire non sono omogenee nel continente europeo.

guida e smartphone


Sensibilizzare i cittadini sulla sicurezza stradale è uno degli obiettivi che si pone il nostro Paese, ma non è stato del tutto raggiunto, infatti gli incidenti sono in aumento e le cause sono sempre le stesse: eccessiva velocità e distrazione. Se in Italia, si è prestata molta attenzione alla sicurezza in auto, ad esempio, quando si tratta di bambini, con l'obbligo dei relativi sedili di sicurezza, oppure, nell'uso obbligatorio delle cinture di sicurezza per i passeggeri, così come riguardo alla corretta distanza da mantenere tra le vetture, è pur vero che analogo impegno in tema di sicurezza stradale dovrebbe essere orientato anche al comportamento del guidatore, proprio perché l'eccessiva velocità e la distrazione rimangono le cause principali di incidenti stradali.

Una ulteriore conferma di ciò è arrivata durante un Convegno che ha raccolto un anno di lavori del "Tavolo della Sicurezza Stradale", di cui fanno parte Aci, Anas, Ania, Polizia Stradale, #Forumautomotive e Dekra Italia, e nato nel 2016 con l'obiettivo di diventare in futuro un punto di riferimento per tutti gli attori coinvolti nel miglioramento della sicurezza stradale.

Al Tavolo è stato rilevato che l'Italia, rispetto agli altri Paesi dell'Unione Europea, ha come causa principale di incidenti stradali proprio il fattore comportamentale, influenzato soprattutto da elementi sociali, caratteristiche della strada e mancanza di norme semplici e facilmente applicabili. Se si guarda al dato più eclatante, infatti, l'81% degli incidenti, quindi 3 su 4, è provocato dalla distrazione alla guida, in cui il maggiore imputato è lo smartphone il cui utilizzo improprio al volante ne causa ben il 75%.

Questo il risultato più importante del primo anno di lavoro sul tema, esposto nel Convegno all'Aci il 18 luglio scorso, in cui erano presenti anche il Presidente della Commissione Trasporti del Senato, Altero Matteoli e il Segretario della Commissione Trasporti della Camera, Paolo Gandolfi. Dal dibattito è emerso che le 4 maggiori cause dei comportamenti scorretti tenuti alla guida dagli automobilisti italiani sono imputabili a: distrazioni, violazione delle regole di sicurezza, imperizia e sottovalutazione.

"Il tavolo è molto importante – ha spiegato Paolo Gandolfiperché è un'occasione di confronto con soggetti diversi ed è stata anche l'occasione per capire la necessità di avere un coordinamento unitario di tutte queste attività sulla sicurezza stradale. Il problema della sicurezza stradale oltre ad essere difficile da risolvere, trova una delle sue complessità proprio nel fatto che si è molto scoordinati nelle azioni: ognuno fa il proprio pezzo e a volte non si agisce tutti nella stessa direzione. Il Tavolo è stato un'ottima occasione per verificare questi aspetti e proporre dei rimedi".
Da questo presupposto, la proposta del segretario Gandolfi in merito all'istituzione di una futura Agenzia nazionale per la Sicurezza stradale, affinché si possano coordinare meglio i problemi e le relative soluzioni in materia. Inoltre, si è dibattuto sul fatto che si dovrebbe intervenire anche nella semplificazione della segnaletica stradale, argomento sul quale l'Aci ha ammesso di essersi imegnata molto.

"Bisogna intervenire a 360° sui comportamenti – ha dichiarato Enrico Pagliari, responsabile dell'Area Tecnica dell'Aci – Abbiamo parlato di ambiente sociale in cui si vive come la famiglia e la scuola, della diffusione degli smartphone che ci distraggono molto. Siamo convinti del lavoro portato avanti, e che mettiamo a disposizione di tutti, e mostra che bisogna intervenire in più direzioni".

Intanto, però, sono state proposte 4 migliorie al Codice della strada in tema di distrazione da smartphone:
- il ritiro della patente da 1 a 3 mesi già dalla prima infrazione;
- favorire campagne di comunicazione per sensibilizzare la popolazione in tema di sicurezza alla guida e di arginamento del fenomeno dell'eccessiva velocità; - investire sulla formazione e sull'aggiornamento degli operatori del settore;
- unificare, per quanto possibile, le regole del traffico stradale in tutta Europa.
Infatti, se le regole in Italia sono abbastanza severe riguardo l'uso di dispositivi alla guida, non in tutta Europa la situazione è omogenea: da una parte abbiamo Paesi come l'Irlanda e la Spagna, in cui è sempre sconsigliato usare dispositivi di comunicazione alla guida, anche con kit che permettano di avere le mani libere; dall'altra c'è la Svezia, in cui è possibile usare il telefono normalmente.

Troppo diversi, ancora, i tassi alcolemici permessi alla guida: si va da un tasso massimo di 0,8 g/l per tutte le categorie (conducenti standard, neopatentati e conducenti professionali) nel Liechtenstein; alle variazioni sostanziali in base alle categorie nella maggior parte degli altri Paesi europei; fino ad arrivare allo 0,0 g/l per Paesi come Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria e pochi altri.
Sui limiti di velocità, sulle cinture di sicurezza e sull'utilizzo del casco protettivo, invece, le normative negli Stati del vecchio continente sono molto simili.

"La strategia (per la sicurezza stradale) – ha sottolineato Toni Purcaro, AD di Dekra Italia e promotore del Tavolo della Sicurezza Stradale – deve essere impostata sempre secondo un approccio sistemico, come rilevato dalla Commissaria Ue per il trasporto, e coordinato anche a livello legislativo che al momento rappresenta uno dei principali ambiti da accelerare vista la complessità della materia soprattutto nel nostro Paese".

In Italia la problematica sulla sicurezza stradale è complessa. Le leggi italiane, che possono sembrare aspre, ad oggi sono riuscite, per un verso, a limitare i comportamenti scorretti, anche se non del tutto, forse perché chi li adotta non si rende conto del pericolo a cui va incontro, o perché le campagne di comunicazione e di informazione non sono abbastanza efficienti. Forse bisognerebbe iniziare ad educare alla sicurezza stradale già da bambini, insegnando i comportamenti da tenere dall'attraversamento pedonale all'uso della bicicletta, e non solo nel momento in cui si arriva alle quattro ruote.



L’analisi di LoJack illustra l’evoluzione del business negli ultimi anni: a ruba navigatori, pneumatici, volanti multifunzione e batterie delle auto ibride.

ladroauto

Sono 669.795 i veicoli rubati negli ultimi dieci anni (2007-2016) di cui si sono perse le tracce.
Sebbene i furti d'auto siano diminuiti passando dai 166.215 del 2007 ai 108.090 del 2016, il numero dei recuperi è calato dal 53% del 2007 al 44% dello scorso anno, tanto che meno della metà dei veicoli rubati fa ritorno “a casa”.
589.206 vetture sono state restituite ai legittimi proprietari, a fronte di 1.259.000 furti.
Sono i numeri emersi dall'indagine “L’evoluzione dei furti d’auto”, elaborata da LoJack, la società americana inglobata nel colosso della telematica CalAmp che si occupa del rilevamento e recupero di beni rubati.

Leggi tutto...

I palermitani sono gli automobilisti che hanno percorso meno chilometri, mentre bolognesi e senesi sono quelli con più strada sotto le ruote.

volante

Gli automobilisti italiani nel 2016 hanno percorso in media la distanza che separa Roma dall’Uruguay: 11.125 chilometri.
È questo il chilometraggio medio pro capite emerso da studio di Facile.it che ha analizzato un campione di oltre 500.000 preventivi compilati da gennaio a dicembre 2016 e i chilometri che gli utenti hanno dichiarato di percorrere in un anno con la loro auto.

Rispetto al 2015, il chilometraggio è diminuito in media dello 0,7%, anche se la riduzione è stata più forte in 3 regioni; Campania, Piemonte e Toscana.
In Campania il costo dell’automobile (e dell’RC auto in primis) ha ridotto l’utilizzo auto di quasi 600 chilometri a conducente (-5,10%), mentre nel caso di Piemonte e Toscana è stato determinante l’avvento e la crescente diffusione, a Torino e Firenze, delle auto condivise.
L'utilizzo del car sharing si è tradotto in un calo di kilometraggio del proprio veicolo del 2,4% per il Piemonte e del 2,8% per la Toscana.

Leggi tutto...

Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.

Questo sito utilizza cookie in conformità alla policy Free Service Group S.r.l. e cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information